Ai giovani che percepiscono nel proprio cuore, pur solo indistintamente, un desiderio di dare un senso pieno alla propria vita, Cristo mostra una via.

Ci sono alcuni, come Andrea e il discepolo amato Giovanni (Gv 1,35-39), che sono interiormente pronti a mettersi in cammino.
Hanno il desiderio di una vera conversione.

John the Baptist: "Behold the Lamb of God"

Si sentono intimamente attratti dall’amore misericordioso di Dio.

Quando hanno ascoltato il Battista che dice:

Ecco l’Agnello di Dio

hanno accolto l’indicazione e si sono avviati verso Gesù.

Non c’è voluto molto al che, sentendo i loro passi, Gesù si volti, prendendoli sotto il suo sguardo d’amore. Per prima cosa, pone una domanda:

Cosa cercate?

Una vocazione cristiana spesso nasce da qualche indicazione, da un invito che viene da certe situazioni o da una particolare persona…

Gesù s’informa sulla loro esteriore, e soprattutto interiore, ricerca. Chiede, perché ha bisogno di una libera e personale risposta da parte loro.
A Lui non basta una vaga velleità. Chiede il motivo per cui si sono messi in cammino.

Andrew and John


I due discepoli sanno solo che hanno agito su suggerimento di un altro. Non riescono ancora a formulare il loro desiderio. Perciò respondono con quest’altra domanda:

Rabbi, dove abiti?

Jesus

Il Signore, però, che intuisce ciò che si muove nel loro cuore, e ne conosce l’origine, attende da loro una risposta libera e personale.

Allo stesso tempo, mostra comprensione per la lentezza del loro cuore. Perciò egli indica loro una porta attraverso cui entrare:

Venite e vedrete

Accogliere i primi segni di una chiamata significa lasciare la propria casa per scoprire dove egli abita.