Principali linee del programma di discernimento

La Casa Balthasar accoglie giovani di ogni nazionalità che vengono con il desiderio di vivere un tempo di ricerca personale della particolare strada che il Signore ha scelto per loro nella Chiesa.
La Casa è primariamente una residenza per un gruppo di uomini che aspirano a donare se stessi al Signore in qualche forma di vita consacrata e a cercare una formazione extra-accademica. Accoglie anche giovani donne nubili che vogliono discernere una vocazione.

Vita cristiana

madonnaMolti giovani che prendono in considerazione la consacrazione sono carenti di una vera educazione cattolica. La Casa ha perciò dato vita ad una scuola di vita cristiana centrata sui consigli evangelici – povertà, verginità, obbedienza- mirando a dare una formazione, sia intellettuale che spirituale, nello spirito del Vangelo e della Tradizione della Chiesa.

Consigli evangelici

arnogaLa Casa intende aprire, il più largamente possibile, i cuori alla Parola che Dio indirizza personalmente ad ognuno con la sua chiamata attraverso l’azione dello Spirito Santo (cf. Gv 16,12-15). In tale modo i residenti sono a preparati a discernere una possibile specifica vocazione alla vita consacrata nelle sue varie forme, inclusa una comunità secolare per quelli che sono persuasi della necessità di un impegno cristiano radicale per il mondo.

Esercizi spirituali

Ignazio di LoyolaIl programma spirituale è basato su principi pedagogici di Ignazio di Loyola.
Ad ognuno dei giovani è data la possibilità di fare gli “Esercizi spirituali” per ordinare la propria vita e scoprire o approfondire la propria particolare vocazione nella Chiesa e nel mondo.

 

Formazione spirituale e culturale

Accademia Balthasar 2008Lo scopo principale della Casa è di aiutare i suoi studenti a conoscere e vivere la bimillenaria fede della Chiesa, così come familiarizzare con le domande del mondo contemporaneo.

La Casa desidera, per quanto possibile, porre se stessa al centro della vita cristiana compresa nella sua totalità organica. Attraverso lo studio di grandi autori, di ieri e di oggi, la Casa cerca di sviluppare negli studenti la capacità di “giudicare ogni cosa” (1 Cor 2,15), e integrare fede e vita, formazione culturale e spirituale, competenza professionale e santità.

Il programma umanistico è ispirato da Hans Urs von Balthasar, Adrienne von Speyr e Henri de Lubac.

Vita comunitaria

La natura, lo spirito e gli obiettivi della Casa, sono definiti in una Carta, che è consegnata ai candidati e costituisce il documento al quale i residenti danno il loro consenso e provano ad osservare durante il loro soggiorno.

La lingua comune nella Casa è l’italiano, ma giovani (di qualsiasi nazionalità), che hanno già una certa pratica di inglese, francese, tedesco o spagnolo, di fronte a questa condizione, non dovrebbero esitare a candidarsi.

Il piccolo gruppo di residenti partecipa nello spirito evangelico della casa. Per vitto e alloggio durante la permanenza a Casa, è gradita un’offerta a seconda dei propri mezzi finanziari. Tutti i servizi di comunità (cucina, pulizia, ecc.) sono gestiti dai residenti.

>> Ulteriori domande

>> Come fare domanda di ammissione?